video

Loading...

martedì 19 giugno 2012

LA UE METTE A RISCHIO L'AGRICOLTURA SOSTENIBILE


LA UE METTE A RISCHIO L'AGRICOLTURA SOSTENIBILE

"La tutela dell'ambiente rischia di essere cancellata dall'agricoltura europea". Lo dicono in una lettera aperta le associazioni degli agricoltori biologici e biodinamici

La Ue mette a rischio l'agricoltura sostenibile
"La tutela dell'ambiente rischia di essere cancellata dall'agricoltura europea". Lo dicono in una lettera aperta le associazioni degli agricoltori biologici e biodinamici (Upbio e Associazione per l'agricoltura biodinamica), le associazioni ambientaliste (Fai, Lipu, Wwf, Italia Nostra, Pro Natura) e la Società italiana di ecologia del paesaggio, che esprimono la loro preoccupazione per l'andamento del dibattito sulla riforma della Pac.
La lettera è indirizzata al ministro dell'Agricoltura, Mario Catania, all'assessore della Regione Puglia, Dario Stefano, in qualità di rappresentante della Conferenza delle Regioni sul tema agricoltura ed ai parlamentari delle Commissioni agricoltura di Camera e Senato e del Parlamento europeo.Mentre a Rio de Janeiro si svolge il Summit mondiale dedicato alla green economy "la riforma della Politica agricola comune (Pac) per il periodo 2014-2020 rischia di consegnarci un'agricoltura europea poco sostenibile per il clima e l'ambiente" si legge nella lettera. Le indicazioni del Consiglio europeo dell'agricoltura "prevedono infatti una drastica riduzione dell'applicazione del 'greening', il riconoscimento economico direttamente connesso ai servizi ambientali e se si dovesse decidere inoltre di esentare le aziende fino a 15 ettari dalle rotazioni delle colture, sarebbero escluse quasi il 90% delle aziende italiane da ogni obbligo ambientale" fanno sapere nella lettera. Tuttavia "il parere delle maggiori autorità scientifiche europee suggerisce che abbiamo bisogno di dedicare
un minimo del 10% dei terreni agricoli alle esigenze ecologiche se si vuole assicurare una adeguata conservazione della biodiversità" concludono le associazioni.
di ci.bi

Nessun commento:

Posta un commento