video

Loading...

mercoledì 15 maggio 2013

Siam messi così male che per difendere la verità bisogna difendere Soros e dar ragione a Luttwak....

Siam messi così male che per difendere la 

verità bisogna difendere Soros e dar ragione 

a Luttwak....

Edward Luttwak
Edward Nicolae Luttwak è un economista e saggista rumeno naturalizzato statunitense, conosciuto per le sue pubblicazioni sulla strategia militare e politica estera. Wikipedia

Luttwak: "La crisi dell'euro è terzo appuntamento con follia dopo il 1914 e 1939"


(14 ottobre 1996) - Corriere della Sera


CORRIERE ECONOMIA. PROFEZIE . LUTTWAK CRITICA GLI ESTREMISTI MONETARI: " PROVOCHERANNO UN MASSACRO "

" L' Italia? Stara' meglio senza Euro "

------------------------- PUBBLICATO ------------------------------ PROFEZIE . LUTTWAK CRITICA GLI ESTREMISTI MONETARI: "PROVOCHERANNO UN MASSACRO" TITOLO: "L' Italia? Stara' meglio senza Euro" - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - "Finira' come nel 1940. Allora l' Italia non aveva alcuna convenienza ad entrare in guerra, ma l' istinto del gregge fece si' che Mussolini . che pure l' aveva intuito . facesse questo errore. Si diceva: tutte le potenze mondiali entrano nel conflitto, perche' noi dobbiamo starne fuori? Siamo forse di serie B? E cosi' l' Italia commise un grande errore. Maastricht e' paragonabile a quel momento storico: sara' un massacro e l' Italia, per paura di finire come la Grecia e perdere la faccia, andra' al massacro economico programmato dagli estremisti ai quali avete affidato l' unificazione monetaria. D' altra parte, nella loro storia gli europei si sono sempre fatti travolgere da tragiche passioni concettuali". Edward Luttwak, il politologo e superconsulente americano che da alcuni anni si e' assunto il ruolo di "Grillo parlante" straniero della realta' italiana, e' convinto di "parlare al vento". "Tanto, queste sono profezie che non vengono mai ascoltate dai diretti interessati". E aggiunge: "Ma perche' voi italiani continuate a lamentarvi della possibilita' di restare fuori dalla moneta unica come la Grecia e invece non dite "come la Svizzera"?". Luttwak ha un' idea precisa: la moneta unica europea va bene, purche' sia gestita come il dollaro. Cioe' da una banca centrale indipendente, ma non ossessionata dal pericolo inflazione come la Bundesbank. "L' Unione europea fa un ottimo lavoro quando si esercita in negativo, cioe' quando elimina dazi, differenze legislative o dogane. Ma nell' azione in positivo la Ue e' un disastro. Basta pensare agli aiuti all' agricoltura. Lo stesso vale per la moneta unica". Il dilemma che sta alla base di questo dibattito e' quello tra un' economia dominata da una moneta forte, anzi fortissima, blindata anche a costo di avere una disoccupazione alta e una produzione industriale congelata, e un' economia dove un po' di inflazione e' tollerata in nome della necessita' di posti di lavoro. Luttwak, che oggi e' consulente del ministero del Tesoro giapponese oltre che di molte grandi corporation nipponiche, ricorda che "da noi, negli Stati Uniti, quando arriva la notizia che il dollaro va male i businessmen festeggiano. E se la Federal Reserve si comportasse come la Bundesbank, governo e business community ne chiederebbero l' abolizione. In Europa rischiate di farvi governare da estremisti monetari. L' economia globale e' gia' in tempi di deflazione e loro non sono ancora contenti. E' come se qualcuno, mentre la temperatura scende e si avvicina l' inverno, inserisse l' aria condizionata al massimo in nome dei benefici dell' aria fresca". Consulente a piu' riprese della Casa Bianca e del Dipartimento di Stato, considerato vicino alla destra americana, uomo poliglotta (e' un ebreo della Transilvania la cui famiglia ha vissuto molti anni a Milano) e poliedrico, Luttwak ama provocare. E oggi parla di "cretino orgoglio monetario". "Ma cosa avete voi italiani da guadagnarci ad entrare nell' Europa monetaria tra i primi? Non vi serve una moneta fortissima unita a una disoccupazione alta, perche' i vostri investimenti all' estero non sono una cosa rilevante. Voi dovete esportare e produrre. Il 30 per cento del vostro export va fuori dall' Unione europea. Invece vi fate condizionare dai banchieri centrali, che sono come gli esorcisti: vedono il diavolo, in questo caso l' inflazione, dappertutto. Le prediche di Mario Monti piacciono molto perche' sembrano dare una base logica a quello che e' un istinto solo irrazionale". In Italia per una serie di conferenze, Luttwak fa una previsione catastrofica: "L' Italia riuscira' ad entrare nell' Euro perche' Francia e Germania sono pronte ad accettare anche i trucchi statistici pur di aprirvi la porta. Vi accetterano turandosi il naso e imponendo un rapporto lira.Euro molto svantaggioso. E basta vedere cosa sta gia' succedendo in Francia per capire quale prezzo vi faranno pagare: anche i panettieri sono in crisi, l' economia piu' che rallentare e' nel rigor mortis. L' Euro sara' come il franco svizzero: tutti lo vorranno comprare, tutti vi vorranno investire e tutti vorranno depositare nelle banche legate all' Euro. Seguirete tutti l' esempio dell' Olanda, che e' al servizio della Bundesbank e del sistema Germania". A dir la verita' , anche in Germania l' opinione pubblica non e' tenera nei confronti della moneta unica e dell' Europa. Anzi, c' e' la sensazione che piu' si avvicina il momento della verita' e piu' gli elettori di Helmut Kohl siano impauriti dal progetto del loro cancelliere. "Si' . risponde Luttwak ., ma per la Germania ha senso presidiare un' Europa a moneta forte. La Bmw viene a produrre in America dove il costo del lavoro e' infinitamente piu' basso di quello tedesco e poi riesporta in Europa le sue automobili. Anche alla Spagna conviene l' Euro, nonostante la disoccupazione. Ma l' Italia e' un caso diverso". Quindi lo scenario e' senza speranze? Luttwak sorride e risponde: "No, ce la farete. Perche' verrete espulsi dall' Euro. E allora tornerete competitivi".
Orizio Riccardo


George Soros tra Enrico Letta e Lady SpreadGeorge Soros
George Soros, nato György Schwartz, è un imprenditore ed economista ungherese naturalizzato statunitense. Wikipedia
Data di nascita12 agosto 1930 (età 82), Budapest
Soros è attualmente presidente del Soros Fund Management e dell'Open Society Institute ed è anche ex membro del Consiglio di amministrazione del Council on Foreign Relations

Speculazione finanziaria: quelli che “è brutta e cattiva”

Quando le cose vanno male, un colpevole bisogna trovarlo. Sì, lo so, mi direte voi, la realtà è complessa, le cause sono molteplici. Ma volete mettere quanto fa comodo dare la colpa a una sola persona, soprattutto se esercita un mestiere che nell’immaginazione collettiva è soggetto a un marchio d’infamia! Ci si mette così l’animo in pace, e si evitano spiegazioni complesse e imbarazzanti.

Questa riflessione non particolarmente brillante mi ha traversato la mente leggendo l’intervista cheGeorge Soros ha rilasciato ad Eugenio Occorsio del quotidiano “La Repubblica”, organo di stampa noto per la sua difesa senza se e senza ma dell’attuale regime europeo, il Pude (Partito Unico Dell’Euro). Soros dice una cosa ovvia: nel 1992 bastava saper leggere la realtà per capire che c’eranoopportunità di profitto da sfruttare in modo perfettamente legittimo.
Questa, del resto, è l’attività speculativa. Cosa dice il dizionario?
Speculativo: “Portato all’indagine filosofica” (Devoto Oli), ma anche “Che ha scopo di guadagno” (Zingarelli). L’etimologia è sempre la stessa: il latino speculari, “guardarsi intorno”, da cui viene anche il francese speculer, che dal 1801 prende significato borsistico (questo ce lo ricorda il dizionario etimologico di Battisti e Alesio). Non è così strano: il filosofo, come chiunque desideri (legittimamente) guadagnare qualcosa, comincia col guardarsi intorno, con l’osservare la realtà, cercando di interpretarla, che è cosa diversa dal costruire una realtà fasulla ad usum piddini. Del resto, forse sapete che il primo filosofo fu anche il primo speculatore: Diogene Laerzio ci ricorda che “Talete volendo dimostrare come fosse facile arricchire, prese a nolo i frantoi, dopo aver preveduto un abbondante raccolto di ulive, e guadagnò un gran mucchio di denari”. Non risulta che laGazzetta di Mileto abbia deprecato questo suo comportamento.
Non si capisce allora perché oggi Repubblica debba chiedere a Soros se provi “imbarazzo” o “rimorso” (addirittura!) per quello che fece nel 1992. Come Talete intorno al 600 a.C., così Soros nel 1992 aveva buoni motivi per prevedere un ottimo raccolto. Quali erano? Be’, nel caso di Soros le ulive non c’entravano, il problema era un altro: era evidente che il cambio della lira era sopravvalutato, che la lira era troppo forte, perché da cinque anni si era agganciata al marco senza poterselo permettere, dato che l’inflazione in Italia era più elevata che in Germania. Vi ricorda qualcosa? Sì, è esattamente la situazione nella quale siamo oggi, e del resto, per rendersene conto, basta osservare l’andamento del tasso di cambio reale della lira.
tasso di cambio reale della lira
Vedete? Dopo una fase di stabilità a metà degli anni ‘80, nel 1987 inizia lo Sme credibile, (il periodo nel quale si decise di evitare riallineamenti all’interno del Sistema Monetario Europeo). Agganciare il cambio della lira a quello del marco non era un’ottima idea, perché impediva di compensare gradualmente il differenziale di inflazione, come era stato fatto negli anni precedenti. Non si può fermare il vento con le mani: quello che ci si era impediti di fare gradualmente per motivi sbagliati, lo si dovette fare tutto in una volta, bruscamente, nel 1992, quando la situazione divenne insostenibile. La svalutazione compensò rapidamente il differenziale di inflazione accumulatosi durante lo Sme “credibile”, e l’Italia tornò in surplus.
Vorrei chiarire un concetto. I dati della figura non erano segreti. Li possono e li potevano vedere tutti. Come non è un segreto che una valuta può restare sopravvalutata solo se esistono accordi politici che falsino il mercato: tali erano i patti impliciti nello Sme “credibile”. Ma quando, come ricorda Soros, la Bundesbank dichiarò che non avrebbe sostenuto la lira, era ovvio che lo Sme sarebbe morto e la lira precipitata.
Attenzione: la lira doveva svalutarsi perché era sopravvalutata, cioè perché accordi politici (lo Sme “credibile”) le avevano permesso di mantenere un cambio non giustificato dai fondamentali. Questo mi pare non sia chiaro al giornalista, che moralisticamente osserva: “la lira rientrò nello Sme a costo di immani sacrifici e a tassi irrimediabilmente falsati”. Ma è esattamente il contrario: la lira uscì dallo Sme perché il suo tasso era falsato da una decisione politica. La responsabilità dell’accaduto è dei politici che presero nel 1987 la decisione di non riallineare più i cambi, e dei banchieri centrali che sostennero tecnicamente questa decisione. Una decisione sbagliata, perché spingendo troppo in alto la lira la esponeva al rischio di cadere. Soros, al più, approfittò dell’errore. Semplicemente, gridò: “il Re è nudo!”, e siccome era veramente nudo, il Re (cioè lo Sme) dovette correre a nascondersi per quattro anni.
Quattro anni dopo, nel 1996, rientrare nello Sme non era una buona idea, ma si decise di farlo per motivi che sapete (l’Europa chiamò!). Lo si fece probabilmente a un cambio troppo forte, “falsato”, come dice Occorsio, ma Soros che c’entra? La decisione di rivalutare bruscamente la lira nel 1996, decisione i cui effetti sono evidenti nel grafico, mica la prese lui!? Il declino dell’economia italiana inizia da lì, certo, da quella decisione, ma Soros non c’entra.
Notate che comunque al 1996 segue un altro periodo di stabilità, ma dal 2002, anno delle riforme del mercato del lavoro tedesco, il cambio reale dell’Italia ricomincia ad apprezzarsi.
Non entro nemmeno nel merito dell’opportunità di queste riforme. Sabato scorso lo faceval’Huffington Post, spero che crederete adesso a cotanto organo, se non avete voluto credere prima almio umile blog. Indipendentemente dai giudizi politici, resta il dato economico. Da ormai più di un decennio il cambio reale dell’Italia si sta costantemente apprezzando. L’euro, che all’inizio poteva essere sostenibile, sta diventando troppo pesante per noi, e questo da quando il principale partner commerciale del nostro paese ha deciso di violare l’obbligo di coordinamento delle politiche economiche imposto dall’articolo 119 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea. La correzione, prima o poi, arriverà, è nella logica delle cose.
Scandalizzarsi una seconda volta perché Soros torna a dire che “il Re è nudo” è un atteggiamento farisaico. Per la seconda volta, il Re (questa volta l’euro), è veramente nudo. Invece di luogocomunisteggiare, cerchiamo di ragionare su come vogliamo correggere questo squilibrio, su cosa ci conviene effettivamente fare, evitando atteggiamenti ideologici e cercando di conformarci alla realtà.
Non è stato Soros a far cadere la lira nel 1992, sono stati i governanti europei a spingerla troppo in alto dal 1987, e non è stato Soros a decidere il cambio lira/Ecu nel 1996, sono stati, ancora una volta, i governanti europei. Non deve stupirci che quelli che si scandalizzano siano gli stessi che invertono i rapporti causali, ricostruendo orwellianamente la Storia. Fa parte del gioco. Si sovverte il passato per controllare il presente. Chi vi dice che le cose sono andate al contrario di come andarono, appartiene a chi vi ripete che invece di svalutare è meglio che vi tagliate i redditi, in vario modo, con i famosi “sacrifici”.
Liberi voi di credergli. Siamo in democrazia, almeno finché qualcuno non se ne approfitta troppo.Quota 90, per chi se la ricorda, è un terzo esempio di difesa a oltranza del cambio. Pensiamoci su…

Il blog diRSS

Alberto Bagnai

Professore associato di Politica economica, Facoltà di Economia, Uni. G.D’Annunzio, Pescara

Nessun commento:

Posta un commento